Crea sito

immagini radar

Vai ai contenuti

Menu principale:

immagini radar

 
 
Descrizione dell'immagine:

Il Radar Meteorologico non è altro che un dispositivo radar ottimizzato per essere sensibile alle particelle d'acqua presenti nell'atmosfera (pioggia, neve, grandine). Misurando il tempo trascorso tra l'emissione e la ricezione del segnale, si può risalire alla distanza della particella individuata; l'intensità dell'eco permette di stimare la grandezza delle particelle e il loro numero. Dopo un'opportuna calibrazione è possibile quindi localizzare le precipitazioni in corso, nonché valutarne l'intensità, espressa in millimetri/ora tramite una scala di colori. Esempio: una precipitazione della durata di 30 minuti, con intensità media di 10 mm/h, sarà responsabile di un apporto pluviometrico totale pari a 5 mm. Ciò significa che avranno raggiunto il suolo 5 litri d'acqua per ogni metro quadrato di superficie.
Bisogna precisare che, in alcuni casi, il valore riportato dal radar può risultare inferiore all'effettiva intensità della precipitazione rilevata al suolo. Ciò può accadere ad esempio nel caso in cui le precipitazioni in corso siano originate da nubi medio-basse, difficilmente rilevabili perché sotto il livello dell'orizzonte limite osservabile dal radar, oppure nel caso si tratti di una regione parzialmente o totalmente "oscurata" dalle catene montuose circostanti. Può capitare inoltre che il radar rilevi una precipitazione presente in quota, che non riesce però a raggiungere il suolo in quanto evapora a causa della bassa umidità relativa presente nei bassi strati.
L'animazione delle successive scansioni radar in sequenza permette di prevedere l'arrivo o la fine delle precipitazioni con una buona precisione a breve termine, nonché consente di identificare eventuali cellule temporalesche e di monitorarne lo sviluppo e lo spostamento.
Qui sopra sono riportate le ultime 12 scansioni, effettuate ad intervalli di 5 minuti. In alto a destra compare la data e l'ora (locale) di ogni scansione.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu